L’indirizzo email ufficiale di ANS cambia e dal 1° luglio sarà: ans@infoans.org - Guarda tutti gli aggiornamenti nella sezione “Contattaci”.

Costa Rica – Incontro dei Delegati per la Formazione della Regione Interamerica

Heredia, Costa Rica – settembre 2019 – Dal 9 al 13 settembre si è svolto ...

Samoa – I salesiani festeggiano i primi 40 anni a Samoa

(ANS – Alafua) - L'Arcivescovo Alapati Lui Mata’eliga di Apia ha celebrato ...

Argentina – “La vita cristiana è una vita missionaria”: a 81 anni d’età mons. Melani, SDB, parte ...

(ANS –Neuquén) – Il vescovo emerito di Neuquén, mons. Marcelo Angiolo ...

Ghana - Ritorno a casa, ritorno alla terra

(ANS – Sunyani) – In Africa continuano ad essere i giovani la più grande risorsa ...

Germania – La Fondazione “Stephanus” premia don Tom, “testimone della fede”

(ANS – Francoforte) – Don Tom Uzhunnalil, il salesiano missionario indiano rapito in ...

Pakistan – 20 anni della fondazione della casa salesiana di Lahore

Lahore, Pakistan – 14 settembre 2019 – In occasione del 20° anniversario della ...

Il primo collegio salesiano fuori Torino

Il primo collegio eretto da Don Bosco, fuori Torino, fu quello di Mirabello Monferrato. Il 20 ...

Notizie

(ANS – Caracas) - “Il nuovo anno scolastico sarà una tragedia”: esordisce così l’articolo che lo storico e teologo cattolico Luis Ugalde, gesuita, ha recentemente pubblicato per testimoniare lo stato del Venezuela oggi. In prima linea per la rinascita morale del Paese, i vescovi salesiani condividono questa visione e la propongono a Missioni Don Bosco perché se ne faccia portavoce in Italia.

(ANS – Kigali) - Mentre il mondo si sta sviluppando sempre più rapidamente, i Paesi del continente africano stanno cercando di autofinanziarsi. È il caso, ad esempio, del Ruanda, dove i Salesiani di Don Bosco, in particolare nella Visitatoria Africa Grandi Laghi (AGL) stanno studiando come utilizzare le risorse esistenti per creare mezzi di autofinanziamento, senza così dover dipendere da aiuti esterni.

(ANS – Roma) – Adriana è una ragazza rom che ha seguito il percorso al Centro Accoglienza Minori del Borgo Ragazzi don Bosco di Roma. La sua è una storia di riscatto e di amore di Dio.

Pagina 1 di 884

Interviste

  • Etiopia – “La mia vita, la devo a Don Bosco”
    • Martedì, 17 Settembre 2019

    (ANS – Addis Abeba) – Werkeneh Alemu è un ragazzo che probabilmente, senza Don Bosco, avrebbe trascorso tutta la sua vita per strada, come molti altri ragazzi di Addis Abeba, in Etiopia; ma oggi è felicissimo per il suo straordinario risultato: ha ottenuto il punteggio di “Straight A” – il massimo dei voti – all’esame nazionale che si è tenuto nel giugno scorso per gli studenti dell’ultimo anno di scuola. Lui stesso attribuisce il suo grande successo al sostegno incessante della comunità educativa salesiana del “Bosco Children”, nel quartiere Mekanissa di Addis Abeba, dove risiede da 6 anni.

Editoriale

  • Avanzano due tipi di deserto
    • Mercoledì, 10 Luglio 2019

    Chi profetizza sciagure non è stato mai ben visto, eppure oggi lo è ancora di meno. Siamo in un’epoca in cui milioni di persone credono ancora nel mito che la tecnologia risolverà tutto.

Eventi

  • RMG – Incontro mondiale dei Delegati della Famiglia Salesiana - Primo Gruppo
    • Lunedì, 16 Settembre 2019

    (ANS – Roma) – Dal 10 al 14 settembre, presso l’Istituto “Pio XI” di Roma, si è svolto il primo incontro mondiale dei Delegati per la Famiglia Salesiana. Promosso dal Segretariato per la Famiglia Salesiana, ha visto la partecipazione di 36 Delegati provenienti da 33 Ispettorie: 5 dall’Africa-Madagascar, 5 dall’Europa Centro e Nord, 10 dalla Mediterranea, 8 dall’Interamerica e 8 dall’America Cono Sud. Oltre a quest’appuntamento, rivolto ai Delegati che parlano le lingue neo-latine, il Segretariato per la Famiglia Salesiana ha organizzato anche un analogo incontro riservato ai Delegati anglofoni, in programma dal 17 al 22 settembre.

L'Approfondimento

  • Mozambico – Il lascito della visita del Papa: un inno alla speranza, alla pace e alla riconciliazione
    • Martedì, 17 Settembre 2019

    (ANS – Maputo) – Il viaggio di Papa Francesco in Mozambico è terminato ormai da qualche giorno, ma le parole pronunciate e i gesti compiuti continuano ad avere un’eco che non si spegne. “Le orme evangeliche di Papa Francesco hanno segnato il suolo mozambicano e le sue parole risuoneranno a lungo per esprimere la consolazione e la verità di cui avevamo bisogno. Soprattutto per quanto riguarda la violenza e l’ingiustizia sociale” testimonia una volontaria missionaria degli ambienti salesiani che ha seguito da vicino l’intero viaggio papale.

Il Messaggio del Rettor Maggiore

  • GESÙ E I CROCIFISSI DI QUESTO MONDO
    • Mercoledì, 11 Settembre 2019

    Nel mio ufficio di Roma ho un crocifisso che trovo ricco di suggestioni. Me l’hanno donato i salesiani del Perù, quando sono stato a visitarli. È una croce, il simbolo del Cristianesimo che tutti conosciamo, ma sulla croce non è inchiodato il nostro Signore Gesù Cristo, ma un bambino povero. Il messaggio è chiaro e molto forte: Gesù è crocifisso nelle donne, negli uomini e nei bambini “crocifissi” ogni giorno nel nostro mondo.

Video IT

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".