Notizie

(ANS – Kinshasa) – Nel loro Rapporto sulle Attività del 2018, le Pontificie Opere Missionarie indicano che ci sono quasi 11.000 missionari spagnoli attivi in 1.111 territori di missione sparsi nel mondo. Tra questi c’è anche il salesiano don Manuel Jiménez Castro, in Africa da 23 anni, prima in Togo e ora nella Repubblica Democratica del Congo, dove è il Superiore della nuova Visitatoria “Africa Congo Congo”. Da Kinshasa coordina 10 case salesiane della congregazione tra la Repubblica Democratica del Congo e la Repubblica del Congo.

(ANS – Madrid) – Secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), oggi ci sono nel mondo 68,5 milioni di persone che sono state costrette a fuggire dalle proprie case a causa delle guerre o delle persecuzioni per motivi di sesso, razza, religione, orientamento sessuale, opinioni politiche o per le conseguenze dei cambiamenti climatici.

(ANS – Damasco) – In Siria l’inizio dell’estate vede i Salesiani di Damasco e i loro collaboratori impegnati a realizzare i primi passi della creazione del nuovo centro che sorgerà nella periferia della città, nel quartiere di Jaramana, dopo che nello scorso mese di gennaio è stato finalizzato l’acquisto del terreno.

(ANS – San Lorenzo) – È scritto in una canzone di Julio Jaramillo: “Odiami, per pietà te lo chiedo… Odio chiedo, più che indifferenza”. Sembra che proprio “l’indifferenza” abbia nascosto la situazione delle persone che vivono nell’Amazzonia Peruviana. Un mese fa, il 27 maggio, quella regione è stata scossa da un forte terremoto che sembrava non avesse causato danni, ma solo perché nessuno si è ricordato degli abitanti della zona. I salesiani, che camminano con i bambini e i giovani più bisognosi, chiedono che l’oblio non seppellisca le speranze di aiuto e sostegno a quei popoli dimenticati, tra i quali i salesiani lavorano e donano la loro vita come fece don Luigi Bolla.

(ANS – Aleppo) – Negli otto anni di guerra in Siria i salesiani sono rimasti nel Paese, al fianco delle centinaia di giovani e delle loro famiglie ad Aleppo, Damasco e Kafroun. “All’inizio della guerra non capivano che saremmo rimasti”, ricorda il missionario salesiano don Alejandro León, attuale Superiore dei salesiani in Medio Oriente. Ma la risposta era sempre la stessa: “Se la comunità alla quale Dio mi ha mandato è la mia famiglia, come posso abbandonarla nei momenti in cui ha più bisogno di me?”

(ANS – Roma) – “Immagino gli anziani come il coro permanente di un importante santuario spirituale, in cui le preghiere di supplica e i canti di lode sostengono l’intera comunità che lavora e lotta nel campo della vita”. Sono parole di Papa Francesco, un Papa che con frequenza invita a prestare attenzione agli anziani, consapevole che sanno offrire uno sguardo sulla vita e una saggezza di valore inestimabili. Don Rodolfo di Mauro, siculo, di 101 anni, e don Pasquale Voci, calabrese, fresco centenario, sono due salesiani “maggiori” molto stimati e apprezzati dai loro giovani confratelli.

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".