Stampa questa pagina

Argentina – Concorso di video giovanili: la solidarietà in primo piano

10 Ottobre 2017

(ANS – Cordoba) – Mercoledì 27 settembre si è tenuta, nell’Istituto Tecnico Salesiano “Villada” di Cordoba, la cerimonia di premiazione del concorso di video organizzato dall’Ufficio di Pianificazione e Sviluppo dell’Ispettoria Argentina Nord (ARN). Il video vincitore è stato “Farmacia Solidaria” degli studenti dell’istituto Villada, a motivo dell’impatto del loro progetto sulla comunità di Mendiolaza.

La competizione è stata organizzata nell’ambito del progetto “Gettando reti di solidarietà per rafforzare il valore della solidarietà nelle comunità salesiane e per diffondere/rendere più visibile il progetto collaborativo nelle scuole”.

I premi assegnati al concorso hanno un chiaro orientamento educativo, e hanno seguito criteri quali, ad esempio, l’originalità, la qualità, l’impegno e il lavoro di squadra. La giuria ha quindi stabilito la seguente classifica:

Farmacia solidaria” – dell’ITS VILLADA, vincitore del primo premio;

Almas callejeras” – dell’ITS VILLADA, ha ottenuto il secondo premio;

Entre dos - Diagnosticando la pobreza” dell’Istituto Salesiano “Angel Zerda” di Salta, ha ottenuto il terzo premio;

quindi “Aquiles - Cuidando el Medio que nos rodea” dell’Istituto Salesiano “Angel Zerda” di Salta;

e “San José – Cultura del trabajo”, sempre degli allievi dell’Istituto Salesiano “Angel Zerda” di Salta.

“La competizione è stata un modo per far sì che gli allievi delle case salesiane conoscessero e partecipassero alla missione salesiana, la facessero propria nella solidarietà ed acquisissero esperienze e formazione che rafforzino in loro il carisma salesiano e il Sistema Preventivo di Don Bosco” hanno spiegato gli organizzatori del concorso. Che poi concludono: “i ragazzi sono stati inoltre incoraggiati a prendere in considerazione gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio segnalati dalle Nazioni Unite, pensando a promuovere la partecipazione sui temi della Fame 0, delle disuguaglianze, della salute, del lavoro dignitoso, della riduzione della povertà… E così hanno riflettuto su come possono contribuire con il loro impegno per collaborare al cambiamento”.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".