Perù – Il Consigliere per la Regione Interamerica incontra i membri di “Disciples”

Perù – ottobre 2021 – Durante la Visita Straordinaria all’Ispettoria ...

RMG – Comunicazione Sociale e Missioni, insieme, per “Comunicare Cristo oggi”

(ANS – Roma) – Il 13 e 14 Ottobre i Delegati di Comunicazione Sociale e Animazione ...

Mi sento a casa

(ANS - León) Venerdì 15 ottobre, il Rettor Maggiore della Congregazione Salesiana ha ...

DOPO LO TSUNAMI

La pandemia ha cambiato il modo in cui ci relazioniamo con il mondo, con gli altri e con noi ...

Uruguay – Un “Bosco di Speranza” per celebrare i 140 anni della scuola di San Isidro

(ANS – Las Piedras) – Nell’ambito delle celebrazioni per il 140° anniversario ...

Italia – Le Suore della Carità di Gesù hanno eletto la loro Madre Generale: suor Emiliana Park

(ANS – Ariccia) – Le Suore della Carita di Gesù (CSJ, in inglese) radunate ad ...

Italia – Aperto il nuovo Anno Accademico all’Università Pontificia Salesiana (UPS)

(ANS – Roma) – Si è celebrata ieri, giovedì 14 ottobre 2021, ...

Il 16 e il 17 ottobre, due Giornate Mondiali sulle quali riflettere

Il 16 ottobre si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, mentre il 17 ottobre si ...

RMG – Concluso il Corso di Formazione e Accompagnamento per Ispettori di recente nomina: un ...

(ANS – Roma) – Si è chiuso ieri, mercoledì 13 ottobre, la terza sessione ...

Missionari salesiani nel mondo: un impegno globale

20 Ottobre 2017

(Roma, 20 ottobre 2017) – Sono molte in tutto il mondo le persone che, ispirandosi a Don Bosco, spendono la loro vita lontano dalla loro patria per dedicarsi alle missione dell’evangelizzazione e dello sviluppo umano di altri popoli. In occasione della Giornata Missionaria Mondiale, che si celebra domenica prossima, 22 ottobre, vogliamo ricordare alcuni esempi.

“Non ho mai detto che sarebbe stato facile, ma che ne sarebbe valsa la pena”. Questa è una delle frasi più famose attribuite a Don Bosco. E riassume bene il significato di essere un missionario in un altro paese: tanto lavoro, dedizione, superamento di sé e dei propri timori e persino rischio della vita sono parte della scelta di chi parte per la missione alle genti. Ma c’è anche la consapevolezza che tutto questo rende migliore, molto migliore, la vita di molte persone, compresa quella dello stesso missionario.

La prima Spedizione Missionaria Salesiana venne inviata da Don Bosco dall’Italia nella lontana Patagonia argentina nel 1875. Il gruppo dei Salesiani era composto da sei sacerdoti e quattro salesiani coadiutori, con alla guida don Giovanni Cagliero. A loro, Don Bosco chiese: “Cercate anime, ma non danari, né onori, né dignità… Prendete cura speciale degli ammalati, dei fanciulli, dei vecchi e dei poveri, e guadagnerete la benedizione di Dio e la benevolenza degli uomini”.

In America Latina

Nel primo continente in cui giunsero i missionari salesiani l’obiettivo primario rimane lo stesso di quell’epoca: stare con i giovani poveri e le loro famiglie, offrendo sostegno educativo, umano e spirituale. “Ho avuto la fortuna di conoscere don Luigi Melesi, reduce della prima spedizione ‘Operazione Mato Grosso’ nel 1967 e tanti giovani che partivano per le missioni in Brasile, Ecuador e Bolivia. Parlavano della loro esperienza con gioia, e il mio cuore si entusiasmava nell’ascoltarli. Il contatto con i poveri aveva cambiato il loro modo di pensare! Così ho deciso di partire missionario… Sognavo di spendere la mia vita per i poveri!”, racconta don Ernesto Sirani, missionario italiano in Perù, oggi parroco di 15.000 anime nella parrocchia di San Josè di Ancash, a 2.750 m di altezza nella vallata di Huaylas.

Ma oggi i missionari vengono non solo dall’Italia, né solo dall’Europa, ma da molti paesi, dei cinque continenti. Questo è il caso del sacerdote salesiano Brigildo de Deus, originario di Timor Est, un paese già di suo segnato da guerra e povertà. Ha deciso di essere un missionario grazie alla testimonianza di alcuni sacerdoti salesiani. Uno di essi venne assassinato e in lui nacque la domanda: “se essi hanno dato la loro vita, perché io non posso dare la mia vita al servizio di chi ha bisogno di me?”. Ora sono già 12 anni che serve in Argentina e ritiene che “essere missionario non vuol dire andare a salvare: è stare con la gente, portare un Dio che dà la vita”.

Le sfide in Africa

“Condivisione” è l’essenza dell’attività missionaria del sacerdote salesiano don Nicola Ciarapica, da oltre 25 anni in Africa Occidentale, tra Nigeria e Liberia. Ricorda come fosse impegnativo iniziare a relazionarsi con il popolo africano, prima che capisse che era lì per condividere: “Già era difficile capirsi per la lingua … quanto più capire e accettare il modo nuovo di concepire la vita e la morte, i ruoli e l’importanza nella vita sociale dell’anziano, dell’adulto, del giovane. Questo però mi ha aiutato a capire che un aspetto importante della missione non è tanto nel fare, ma nell’amore che viene richiesto e ci si mette nelle relazioni”.

Questo amore per i destinatari della propria missione è quello che si percepisce anche in un orfanotrofio di Inharrime, Mozambico, dove Suor Lucília Teixeira, delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA), vive e lavora da 42 anni. “Le nostre bambine non hanno mamma, né papà, ma hanno trovato una famiglia: loro sono felici di avere noi e noi siamo felici di avere loro, perché la vita salesiana ha senso solo perché loro esistono” racconta.

Il continente africano è stato anche la meta di molte iniziative di volontariato missionario, realizzato da giovani che sono disposti a lasciare le loro comodità per aiutare altra comunità. È in quest’ottica che Guillem Fenollosa Busquets ha partecipato la scorsa estate ad un progetto di volontariato in Zambia. Studente di Meccanica presso l’Istituto Politecnico salesiano a Sarriá, in Spagna, Guillem insieme a 7 altri suoi amici e colleghi scolastici ha messo in pratica le sue conoscenze meccaniche per risistemare un orfanatrofio che ospita 31 ragazze tra i 12 e i 17 anni.

Asia: arrivi e partenze

Simon Mühlbauer, un 19enne tedesco, ha deciso di partecipare al programma “Don Bosco Volunteers” prima d’intraprendere l’università. Ora, oltre ad invitare i suoi amici tedeschi al volontariato missionario, vuole promuove anche un programma inverso, dove i giovani dei paesi in via di sviluppo vengono inviati in Germania, ospiti delle comunità salesiane. E della sua esperienza dice: “nel mio servizio più che insegnare ho appreso, e apprendere è qualcosa che riguarda tutti, indipendentemente dal fatto che tu sia Tedesco o Timorese. In un anno di volontariato missionario impari un nuovo linguaggio, una nuova cultura, condividi le esperienze e impari a trovare amici e amiche di Don Bosco in tutto il mondo”.

“Ho capito che ci sono cose che non possiamo capire solo con l’intelligenza o con il buon senso. Solo la fede ci può illuminare. Solo l’amore può essere la risposta”. Così parla della vita missionaria il chierico salesiano Chihiro Morito, il primo missionario salesiano giapponese in Africa, attualmente in servizio presso la comunità salesiana di Wau, nel Sudan del Sud.

“Sto compiendo il sogno di Dio”, completa il discorso il giovane salesiano in formazione Anthony Leung, originario della Cina. Battezzato da piccolo, è stato praticamente indifferente alla religione fino alla Giornata Missionaria Mondiale del 2008 a Sydney, Australia. “Quando il Papa elevò l’ostia consacrata ebbi la percezione molto forte che mi stava chiamando a seguirLo, a lavorare per Lui. Dopo quel viaggio decisi di entrare nel seminario salesiano”. Attualmente sta svolgendo un periodo di formazione di 2 anni in Sierra Leone. È il secondo missionario nella storia salesiana che proviene dalla Cina.

Progetto Europa

Di solito quando si pensa alle missioni vengono in mente i paesi poveri dell’America, dell’Africa e dell’Asia. Ma c’è grande necessità di sostegno missionario anche in Europa; di testimoni della fede, di entusiasmo e di dedizione: di quello che mette nel suo servizio don Christian Tshala Wika, originario della Repubblica Democratica del Congo, in Africa, attualmente Direttore della casa salesiana di Argenteuil, vicino Parigi.

Quando ha iniziato il servizio missionario si è scontrato “con le reali difficoltà di trovare il mio spazio e il senso della mia presenza”. Poi, nel 2016, durante un incontro con altri missionari nel Vecchio Continente, ha capito che il “Progetto Europa non è un progetto aggiunto o parallelo, ma un rinnovamento del carisma salesiano con i confratelli ai quali ci affianchiamo, è un progetto da costruire insieme a loro”.

Gli stessi dubbi li ha dovuti affrontare anche Giuseppe Liano, salesiano guatemalteco, ora missionario a Gjilan, Kosovo. Quando decise di partire missionario alcuni confratelli gli dicevano: “perché andare fuori, se qui abbiamo parecchio lavoro da fare?”. “È vero, c’è tantissimo da fare – risponde – Però è vero anche che la Congregazione nel mondo è una sola e i giovani ci aspettano ovunque e i confratelli pure. Se la vigna è del Signore, Lui saprà come distribuire i suoi operai. A noi corrisponde fare ciò che Lui chiede, con l’amore che Lui ci dona, lì dove Lui ci vuole e ci invia. E poi penso… Se i primi Salesiani non avessero rischiato quello che avevano per andare oltre, come avremmo noi conosciuto Dio, Don Bosco e la nostra vocazione?”.

Come ha più volte ribadito ai suoi confratelli Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore, colui che di Don Bosco oggi è il Successore, “non possiamo dimenticare le nostre origini e la nostra identità carismatica”, quella di una Congregazione missionaria per natura.

Cliccando sul titolo del Comunicato Stampa è possibile accedere all'articolo sul sito e scaricare tutte le foto dei missionari, a fondo pagina.

Interviste

  • Guatemala – Don Coelho: “Imparare a vivere e crescere come salesiani consacrati in un mondo totalmente digitale è una sfida formidabile”
    • Mercoledì, 13 Ottobre 2021

    (ANS – Città del Guatemala) – Don Ivo Coelho, Consigliere Generale per la Formazione, ha visitato nelle passate settimane le case di formazione dell’Ispettoria del Centro America (CAM). Nell’occasione ha rilasciato un’intervista al Bollettino Salesiano locale, nel quale ha parlato della sua visione sulla realtà della formazione salesiana nell’Ispettoria CAM, ma anche di temi d’interesse generale, come la formazione dei formatori, le sfide della formazione iniziale odierna, l’importanza della formazione alla comunicazione dei giovani salesiani e la bellezza della vocazione salesiana.

Eventi

  • Brasile – L’“UniSALESIANO” promuove il I Congresso Internazionale sulla Tecnologia nell'Educazione
    • Martedì, 12 Ottobre 2021

    (ANS – Araçatuba) – Il Centro Universitario Cattolico Salesiano “UniSALESIANO”, appartenente all’Ispettoria di Brasile-Campo Grande (BCG) e con sedi ad Araçatuba e Lins, ha organizzato per i giorni dal 13 al 15 ottobre il suo I Congresso Internazionale sulla Tecnologia nell’Educazione (C.I.T.E.). L’obiettivo dell’evento, che si realizzerà in modalità digitale e che conta oltre 90 conferenze, è quello di proporre riflessioni e spunti interessanti per un’educazione veramente trasformante e arricchente, e che siano d’interesse per chi vuole essere sempre aggiornato.

L'Approfondimento

  • Perù – “Comunione nella diversità”: espressione dell’Amore Trinitario per i giovani
    • Giovedì, 14 Ottobre 2021

    (ANS – Lima) – “Una delle espressioni aggiornate del carisma salesiano è rendere visibile la sfida e la bellezza della comunione. È Gesù che chiama ognuno di noi, dalle nostre diverse realtà e storie personali, a formare nel suo nome una comunità che manifesti l’amore trinitario di Dio ai giovani”. È quanto afferma don Hugo Orozco, SDB, Consigliere per la Regione Interamerica, in una riflessione maturata durante la Visita Straordinaria che sta realizzando, per conto del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, alle case salesiane dell’Ispettoria del Perù. Ecco il suo resoconto:

Il Messaggio del Rettor Maggiore

  • DOPO LO TSUNAMI
    • Venerdì, 15 Ottobre 2021

    La pandemia ha cambiato il modo in cui ci relazioniamo con il mondo, con gli altri e con noi stessi. Abbiamo bisogno di ricostruire e rinascere con più solidarietà e consapevolezza per riprenderci da una calamità silenziosa, segnata dal dolore, dal confino, dal lutto, dalla paura.

    Cosa farebbe Don Bosco oggi?

Video IT

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".