Sri Lanka – I salesiani distribuiscono kit alimentari e sanitari alle famiglie bisognose

Dungalpitiya, Sri Lanka – 18 giugno 2021 – Le 16 opere salesiane della Visitatoria ...

Ungheria – A colloquio con Michal Hort, Presidente della Confederazione Mondiale degli Exallievi di ...

(ANS – Budapest) – Gli Exallievi di Don Bosco dell’Ungheria, in procinto di ...

RMG – Messaggio del Rettor Maggiore al 12° Congresso Internazionale degli Exallievi della Regione ...

(ANS – Roma) – Il Rettor Maggiore dei Salesiani di Don Bosco, Don Ángel ...

RMG – 80° anniversario della morte di 4 salesiani nel campo di sterminio di Auschwitz

(ANS – Roma) – Il 27 giugno 2021 ricorre l’80° anniversario del martirio di ...

Filippine – Formare i futuri salesiani come animatori della Laudato Si’

Talisay City, Filippine – giugno 2021 – Dal 3 al 5 giugno gli aspiranti salesiani con i ...

Italia – Un tour virtuale della Basilica di Maria Ausiliatrice a Torino

(ANS - Torino) - La Basilica di Maria Ausiliatrice a Torino è il fiore all’occhiello ...

Ucraina – Firmato un accordo con le autorità municipali di Zhytomyr per la costruzione di una ...

Zhytomyr, Ucraina – giugno 2021 – I salesiani dell’Ispettoria della ...

Lettera del Rettor Maggiore a motivo dell’uccisione di don Antonio César Fernández, SDB

18 Febbraio 2019
Don Antonio César Fernández, SDB (1946-2019)

(Roma, 18 febbraio 2019) – Il Rettor Maggiore dei Salesiani, Don Ángel Fernández Artime, ha scritto una lettera a tutti i suoi confratelli e alla Famiglia Salesiana nel mondo, a seguito della tragica morte di don Antonio César Fernández, missionario salesiano spagnolo, dell’Ispettoria Africa Occidentale Francofona (AFO), colpito a morte in un agguato teso da assassini jihadisti, venerdì 15 febbraio 2019, in Burkina Faso.

 

 

Roma, 16 febbraio 2019

Ai miei Confratelli Salesiani. Alla Famiglia Salesiana nel mondo. Miei cari confratelli: sono appena arrivato a Roma, Sacro Cuore, direttamente dall’Irlanda, dove ho concluso la visita all’Ispettoria “San Patrizio” con sede a Dublino, e subito mi metto in comunicazione con tutti voi.

Lo faccio per la dolorosissima notizia ricevuta alcune ore fa, la notte scorsa, quando ci hanno informato che il nostro confratello missionario salesiano Antonio César Fernández, missionario in Africa dal 1982, è stato assassinato ieri, alle ore 15:00 locali, con 3 colpi di arma da fuoco, durante un attacco jihadista avvenuto a quaranta chilometri dalla frontiera sud del Burkina Faso. Fortunatamente, altri due confratelli che erano con lui sono sopravvissuti all’assalto. Provenivano da Lomé (Togo), dove avevano celebrato la prima sessione del Capitolo Ispettoriale dell’AFO (Ispettoria Africa Occidentale Francofona).

Cari confratelli, molte volte durante l’anno ricevo la notizia della morte per causa naturale di confratelli salesiani. Fa parte della vita, e arriverà anche per noi. In questi casi rendiamo grazie al Signore per tante vite meravigliose consumate generosamente.

Al nostro confratello Antonio César invece hanno strappato la vita, gliel’hanno tolta senza nessun motivo. Un uomo buono e un uomo di Dio che, come il Signore, è passato nella vita “facendo il Bene”, soprattutto nel suo amato popolo Africano.  Antonio César aveva 72 anni, 55 di Professione Religiosa e 46 di Ordinazione Sacerdotale. Alcuni mesi fa lo avevamo incontrato in Burkina Faso, proprio nella sua comunità di Ouagadougou, dove era direttore e parroco.

Antonio César si aggiunge a tanti altri martiri della Chiesa di oggi nel mondo (alcuni di essi Salesiani e membri della nostra Famiglia Salesiana). 

Vi invito a rendere grazie al Signore per la vita meravigliosa del nostro confratello don Antonio César. Vi invito anche a chiedere al Padre che aiuti questa sua Umanità a mettere fine a queste escalation di violenza che fanno solo del male. E voglia il Buon Dio che il suo sangue, sparso in terra africana, sia seme di cristiani, seguaci fedeli di Gesù, e di giovani vocazioni al servizio del Regno.

Riposa in pace, caro César.

Fratelli, continuiamo più uniti che mai nel servizio al Popolo di Dio e dei giovani più poveri. Il male non ha mai l’ultima parola. La Risurrezione del Signore ce lo ha dimostrato e continua a essere vero, pur nel dolore, che il Signore trasforma tutte le cose. 

Un grande abbraccio e la preghiera di tutti noi per l’eterno riposo di don Antonio César.

La nostra affettuosa vicinanza sia anche per la sua famiglia e i suoi cari a Pozoblanco (Spagna) e nei luoghi in cui vivono, alla cara Ispettoria AFO alla quale apparteneva, e a quella “Maria Ausiliatrice” (SMX) in Spagna, dove aveva imparato ad amare Don Bosco fino a vivere come lui. 

Con vero affetto,

D. Ángel Fernández A., SDB

Rettor Maggiore         

Interviste

  • Ungheria – A colloquio con Michal Hort, Presidente della Confederazione Mondiale degli Exallievi di Don Bosco
    • Giovedì, 24 Giugno 2021

    (ANS – Budapest) – Gli Exallievi di Don Bosco dell’Ungheria, in procinto di fondare la loro associazione nazionale, hanno realizzato un’intervista al Presidente della Confederazione Mondiale degli Exallievi, Michal Hort. Oggi, 24 giugno, festa onomastica di Don Bosco e 151° anniversario della nascita simbolica degli Exallievi – che si fa risalire al celebre dono delle tazzine di caffè a Don Bosco da parte di Carlo Gastini e degli altri antichi allievi dell’Oratorio di Valdocco – ne pubblichiamo alcuni stralci.

Eventi

  • Brasile – Il Forum Salesiano per il Patto Educativo Globale riunisce più di 1.200 educatori e studenti
    • Martedì, 22 Giugno 2021

    (ANS – Brasilia) – Nei giorni 17 e 18 giugno si è svolto online il Forum Salesiano per il Patto Educativo Globale, un evento promosso in collaborazione dalla Rete Salesiana Brasile (RSB) Scuole e da RSB Comunicazione. Il Forum ha voluto coinvolgere educatori e studenti nell’impegno per il Patto Educativo Globale proposto da Papa Francesco e rinnovare la passione per un’educazione fondata sui principi del nuovo umanesimo a beneficio delle generazioni future. L’evento ha riunito 1275 studenti ed educatori in rappresentanza di 94 scuole della Rete Salesiana Brasile, oltre a ospiti speciali e coordinatori ispettoriali.

L'Approfondimento

  • Argentina – Un papà come San Giuseppe
    • Mercoledì, 23 Giugno 2021

    (ANS – Buenos Aires) – Nel Vangelo secondo Luca, la prime e ultime parole che Gesù pronuncia durante la sua vita si riferiscono al Padre (2,49; 23,46). Non c’è da meravigliarsi: i due hanno un rapporto speciale! Lui è “il” Figlio (Mt 11,27; Mc 13,32; Lc 10,22; Gv 5,19) e il Padre è “suo” (Mt 16,17; Lc 22,29; Gv 5,17). Cristo è così sicuro di essere il Figlio unico, amato e scelto dal Padre (Mt 3,17; Mc 1,11; Lc 3,22; Gv 10,17) che, con insolita familiarità, lo chiama “Abbà” (Mc 14,36): “Papà”.

Il Messaggio del Rettor Maggiore

  • Lettera di un cuore grato
    • Martedì, 15 Giugno 2021

    “Quasi per caso, mi sono imbattuto in una busta con dentro una lettera che mi è stata consegnata da una giovane donna quando ho visitato l’opera salesiana della città di Americana, in Brasile, nell’Ispettoria salesiana di San Paolo”.

Video IT

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".