Bulgaria – Visita del Consigliere Generale per le Missioni

Stara Zagora, Bulgaria – ottobre 2021 - Dal 18 al 22 ottobre don Alfred Maravilla, ...

Italia – Ecologia integrale: una chiamata alla conversione

Roma, Italia – ottobre 2021 – Nei giorni 15 e 16 ottobre si è svolto via Zoom un ...

Italia – Concluso il Capitolo Generale XVIII delle Suore della Carità di Gesù

(ANS – Torino) – Il XVIII Capitolo Generale delle Suore Caritas di Gesù, XI ...

Kenya – Incontro dei Delegati di Formazione e Pastorale Giovanile dell’Africa Madagascar

(ANS – Nairobi) – Martedì 19 ottobre 2021 i Delegati ispettoriali per la ...

Italia – Chennor ha realizzato il suo sogno: visitare i luoghi di Don Bosco

(ANS – Torino) – Chennor Amadu Bah non era mai salito su un aereo, né in un ...

RMG – Ottobre, mese missionario: riflessioni e animazione dal Settore per le Missioni

(ANS – Roma) – Domenica prossima, 24 ottobre 2021, si celebra la Giornata Missionaria ...

Polonia – La parrocchia salesiana di Skawa tra le più attive del Paese

Skawa, Polonia – ottobre 2021 – Si è conclusa la prima tappa del Concorso ...

Bielorussia – Celebrazione festosa per il Centenario di presenza salesiana nel Paese

(ANS – Minsk) – Grazie al primo sacerdote salesiano, Ludwik Gostylla, che arrivò ...

Italia – Celebrazioni per l’anniversario della nascita al Cielo della Venerabile Maria Cristina ...

(ANS – Cinisello Balsamo) – Venerdì 22 ottobre ricorre il 26° anniversario ...

Italia – Dodici Ispettori, da quattro continenti, per l’incontro di Verifica di metà sessennio

(ANS – Torino) – A poco più di un mese dalla precedente edizione è in ...

CG28, la seconda settimana di lavori: l’amicizia e l’ascolto

02 Marzo 2020

(Torino, 1° Marzo 2020) – Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino, nell’omelia che sabato 29 febbraio ha rivolto ai Capitolari ha detto: “Nella comunità c’è bisogno di parole semplici, insieme ad esperienze di vita concreta e soprattutto tanta amicizia e ascolto reciproco: questo riesce ad arrivare direttamente al cuore delle persone, più di ogni altra cosa”. L’amicizia e l’ascolto reciproco fanno parte dell’aria che si respira in questi primi giorni di impegno capitolare.

“C’è un’atmosfera concentrata, intensa, una volontà costruttiva, tanta comprensione per gli spostamenti e qualche disagio necessario, ma il feedback di questo primo tempo è assolutamente positivo. La discussione sulla relazione del Rettor Maggiore e le sue risposte sono state perfette ed esemplari” ha affermato don Saimy Ezhanikatt, Segretario del capitolo e deus ex machina di tutta l’organizzazione.

Nella mattinata di lunedì 24 febbraio, sono state effettuate le prove linguistiche di traduzione e un test sulle votazioni. Sono 222 gli aventi diritto di voto che hanno contribuito a mettere a punto il sistema.

Si è proceduto quindi con la nomina dei Segretari, proposti dal Regolatore e votati dall’assemblea. Sono risultati eletti don Enrico Gaetan, don Luca Barone e don Daniele Merlini.

Subito dopo è stata la volta dei Moderatori. Sono stati eletti: don Manuel Cayo, Ispettore del Perù (PER), don Jose Kuruvachira, Ispettore di India-Dimapur (IND) e don Manuel Jimenez Castro, Visitatore dell’Africa Congo Congo (ACC).

I capitolari si sono immersi poi nella lettura individuale del Regolamento e poi si sono divisi nelle quattro commissioni sul tema e in quella (una) sui temi giuridici.

Il giorno seguente, martedì 25, don Andrea Bozzolo, SDB, docente di Teologia Dogmatica presso la Sezione di Torino della Facoltà di Teologia dell’UPS, ha presentato ai Capitolari riuniti nel Teatro Grande di Valdocco lo Strumento di Lavoro del Capitolo Generale 28. Con una bella immagine: “il fuoco e la canoa”. 

Il fuoco dello Spirito di Dio segna e illumina la rotta che la canoa del Capitolo deve seguire. Imbarcati su di essa, i salesiani devono tenere la rotta insieme ai giovani che remano con vigore, tutti rivolti verso la stessa meta che è l’obiettivo del Capitolo, formato da tre nuclei: la priorità della missione per i giovani, con tutte le sfide che comporta, il profilo del salesiano e la corresponsabilità con i laici.

Il Capitolo – è stato ricordato – non è un “parlamento”, ma saper riconoscere Dio nella voce dei fratelli.

Scaturiranno di qui le tappe successive che porteranno alle scelte, attraverso il triplice crivello riconoscere-interpretare-scegliere.

Si respira una buona e positiva attenzione. L’impegno di tutti è evidente. 

L’organizzazione sta funzionando con ammirevole efficienza. Il lavoro “in squadra” è coordinatissimo: da dietro le quinte, dove stazionano a tempo pieno gli operatori della rete digitale che supporta tutte le forme della comunicazione, ai traduttori, agli addetti all’ospitalità e ai momenti liturgici; ma soprattutto ciò che conta di più è l’atteggiamento collaborativo dei capitolari.

Ottimo anche la Copertura mediatica di base, che punta a creare comunione tra i partecipanti del CG28 a Torino-Valdocco e ogni “Valdocco” locale nelle periferie della Congregazione. In questo caso i media digitali hanno la capacità di mettere sullo stesso piano il centro con le comunità e opere della periferia.

“Le commissioni e le sottocommissioni sono state create in pochissimo tempo e si sono immediatamente messe al lavoro” ha continuato don Ezhanikatt.

Le commissioni sono formate per aree linguistiche e suddivise a loro volta in sottocommissioni per favorire il massimo dialogo possibile. L’unica commissione un po’ diversa è quella che si occupa di questioni giuridiche, alcune delle quali sono urgenti e di non semplice soluzione.

Naturalmente c’è molta attesa per la settimana dal 16 al 21 marzo, la settimana delle elezioni, che può significare molto per comprendere l’orientamento della Congregazione.

In tutti c’è quella volontà “accesa” da Papa Francesco e che l’Arcivescovo sintetizza così: “La Chiesa non può accontentarsi di aspettare che ritornino i giovani, ma deve cercarli e incontrarli là dove sono, aprendo le porte, andando al largo, sfidando la tempesta sia culturale che ambientale, massmediatica e digitale… insomma, il nuovo mondo dove i giovani nuotano come il pesce nell’acqua”.

I frequenti momenti di preghiera nella Basilica di Maria Ausiliatrice, “luogo del cuore” di Don Bosco e di tutti i salesiani, sono sorsate alla sorgente di quella spiritualità che qui ha avuto origine.

Foto su ANSFlickr

Interviste

  • Bolivia – Una vita a servizio dei “Kameños”: intervista a don Miguel Ángel Aimar Bruno
    • Martedì, 19 Ottobre 2021

    (ANS – Cochabamba) – Don Miguel Angel Aimar Bruno, salesiano, è missionario in Bolivia da 44 anni. Nato nel 1945 a Busca, in provincia di Cuneo, da padre argentino e madre italiana, è stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1975 e attualmente fa parte della Comunità Salesiana di Kami (Cochabamba) e, da quando è arrivato in Bolivia, ha dedicato la sua vita al servizio dei "Kameños".

Eventi

  • Brasile – L’“UniSALESIANO” promuove il I Congresso Internazionale sulla Tecnologia nell'Educazione
    • Martedì, 12 Ottobre 2021

    (ANS – Araçatuba) – Il Centro Universitario Cattolico Salesiano “UniSALESIANO”, appartenente all’Ispettoria di Brasile-Campo Grande (BCG) e con sedi ad Araçatuba e Lins, ha organizzato per i giorni dal 13 al 15 ottobre il suo I Congresso Internazionale sulla Tecnologia nell’Educazione (C.I.T.E.). L’obiettivo dell’evento, che si realizzerà in modalità digitale e che conta oltre 90 conferenze, è quello di proporre riflessioni e spunti interessanti per un’educazione veramente trasformante e arricchente, e che siano d’interesse per chi vuole essere sempre aggiornato.

L'Approfondimento

  • Colombia – A Cali, dove gli ex bambini-soldato indossano “l’uniforme” di Don Bosco
    • Mercoledì, 20 Ottobre 2021

    (ANS – Cali) – In Colombia la guerriglia è iniziata nel 1952 e ha causato oltre 300.000 morti, favorendo al contempo lo sviluppo di potenti cartelli della droga. Al “Centro Don Bosco” di Cali, però, i giovani che hanno conosciuto solo la guerriglia vengono accolti e accompagnati in percorsi di recupero.

Il Messaggio del Rettor Maggiore

  • DOPO LO TSUNAMI
    • Venerdì, 15 Ottobre 2021

    La pandemia ha cambiato il modo in cui ci relazioniamo con il mondo, con gli altri e con noi stessi. Abbiamo bisogno di ricostruire e rinascere con più solidarietà e consapevolezza per riprenderci da una calamità silenziosa, segnata dal dolore, dal confino, dal lutto, dalla paura.

    Cosa farebbe Don Bosco oggi?

Video IT

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".