Stampa questa pagina

Germania – Mons. Oster, SDB: “Senza preghiera e vita spirituale, non si è capaci di amare e incontrare gli altri”

17 Luglio 2017

(ANS – Passau) – Mons. Stefan Oster, SDB, vescovo di Passau, in Germania, è attualmente Presidente della Commissione Giovanile della Conferenza Episcopale Tedesca. In un’intervista ha parlato del Sinodo dei Vescovi del 2018, che si concentrerà proprio sui giovani, delle sue aspettative su come i giovani possono trovare la fede… Ed ha rivelato il segreto per rimanere giovane.

di Christoph Renzikowski

Mons. Oster, il santo fondatore della sua Congregazione, era solito dire: “Signore, dammi le anime, prendi tutto il resto”. È ancora possibile sviluppare un lavoro con i giovani con questo approccio?

Don Bosco voleva partecipare alla vita dei giovani perché avessero successo nella loro vita. La traduzione di questo motto nel linguaggio d’oggi potrebbe essere: aiutiamo i giovani ad essere buoni cristiani e responsabili nella società.

Cosa ha imparato dall’incontro con i giovani?

Dal rapporto con i giovani ho imparato ad essere paziente, essere attento alle persone, a impegnarmi con la gente, e a saper entrare nell’organizzazione democratica delle cose e nelle associazioni. I giovani possono discutere di vari argomenti, ma riescono sempre a trovare soluzioni. Io certamente ho imparato molto da loro.

Quali saranno i temi più importanti del Sinodo dei Vescovi sui giovani?

La domanda più importante che dobbiamo porci secondo me è: come possono trovare la fede i giovani, oggi? Negli Stati Uniti hanno fatto una ricerca sulle ragioni dell’allontanamento dei giovani dalla Chiesa. I risultati sono sorprendenti. I giovani di età compresa tra i 15 ei 35 anni hanno suggerito che l’allontanamento è collegato a questioni come la sessualità, l’omosessualità… Ma oltre il 60% ha riferito di essersi allontanato perché pensano che non ci sia una relazione tra il mondo della scienza e il mondo della fede. Io spero che il Sinodo possa dare risposte a queste domande e questioni. E spero che i giovani possono parlare davanti ai vescovi riuniti.

Lei è un vescovo giovane. Qual è il segreto della sua gioventù?

(Ride). Dal punto di vista biologico, tutti avanziamo con l’età, ma a dire il vero mi mantengo giovane perché mi relaziono con i giovani e io sto insieme a loro. Io vivo in una residenza comunitaria e questo mi aiuta ad avere un rapporto diretto con i giovani. Ma c’è un elemento importante della vita: la preghiera. Penso che una persona, anche un giovane, senza la preghiera e la vita spirituale non sia capace di amare e di incontrare gli altri.

Fonte: Katholisch.de

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".