Stampa questa pagina

Filippine – Un programma ampio e articolato per rilanciare la cultura vocazionale
In evidenza

19 Dicembre 2018

(ANS – Manila) – Negli ultimi due anni (2017-2018) entrambe le Ispettorie delle Filippine, Nord e Sud (FIN e FIS), hanno intrapreso un cammino di rilancio della cultura vocazionale per riportarla al cuore di tutti i Salesiani e dei laici collaboratori nella missione. Nello scenario in rapida evoluzione della cultura giovanile filippina, e anche di fronte al recente rinnovamento del sistema educativo del Paese, questo “rafforzamento” vocazionale risulta davvero opportuno.

Nell’Ispettoria FIN tutto il processo è iniziato con il Capitolo Ispettoriale del 2016, che ha coinvolto tutta la comunità ispettoriale, tutte le scuole e le parrocchie, compresi i laici collaboratori nella missione, e ha portato all’adozione di una completa agenda di iniziative da intraprendere:

  • Nomina di un salesiano impegnato a tempo pieno esclusivamente per la promozione vocazionale che stila, segue e valuta il piano vocazionale.
  • Nomina dei salesiani chiamati a far parte dell’équipe di Animazione Vocazionale dell’Ispettoria – che comprende comunque 10 membri, tra cui alcuni laici.
  • Informare e segnalare a tutti i salesiani la situazione vocazionale dell’Ispettoria.
  • Organizzare un’assemblea salesiana sull’animazione vocazionale (SAVE, in inglese).
  • Creare e diffondere materiale promozionale della vocazione salesiana per tutti i tipi di media, con l'aiuto della comunità del Post-Noviziato.
  • Diffondere poster vocazionali, con particolare attenzione alle parrocchie della diocesi di Laguna, alle scuole parrocchiali e alle scuole gestite da congregazioni femminili senza presenza di congregazioni maschili.
  • Promuovere la cultura vocazionale nei social media attraverso un sito web creativo e interattivo.
  • Includere annunci di promozione vocazionale nelle riviste “Euchalette” e “Family Matter Magazine”.
  • Lanciare la proposta ad ogni salesiano ad invitare candidati ritenuti idonei alla formazione.
  • Lavorare in rete con la Commissione Episcopale per le Vocazioni e i Direttori e le Direttrici delle Vocazioni nelle Filippine per un adeguato coordinamento, supporto e diffusione delle attività.
  • Organizzare colloqui vocazionali e ritiri/momenti di raccoglimento con gli adolescenti degli ultimi anni delle scuole superiori, delle opere salesiane e non.
  • Celebrare le Messe nelle strutture salesiane e non.

I Salesiani sono motivati non solo dalla diminuzione delle nuove vocazioni consacrate, ma soprattutto dalla necessità di rilanciare una vera e propria "Pastorale giovanile-vocazionale”, come previsto dalla Chiesa e dalla Congregazione nel Quadro di Riferimento per la Pastorale Giovanile Salesiana.

Anche la Preghiera al Sacro Cuore di Gesù (O Cor Iesus Sacratissimo) composta dal beato Don Michele Rua e diffusa tra Salesiani e laici impegnati in questo particolare settore, sta costituendo un piccolo segno quotidiano che costruisce una “cultura vocazionale”: “O Sacratissimo Cuore di Gesù, manda alla pia Società Salesiana molti buoni e zelanti operai e aiutarli a perseverare. Ti preghiamo, ascoltaci!” (O Cor Jesu Sacratissimum, ut bonos et dignos operarios piae Salesianorum Societati mittere et in ea conservatore digneris. Te rogamus audi nos!)

Fonte: AustraLasia

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".