Stampa questa pagina

Brasile - "L'Amazzonia Salesiana: il Sinodo ci sfida": un'opera che raccoglie i contributi della Famiglia Salesiana dalla Regione Panamazzonica
In evidenza

28 Agosto 2019

(ANS - Manaus) - "L'Amazzonia continua ad essere una delle priorità della Congregazione Salesiana. Siamo determinati a continuare la nostra azione pastorale e missionaria, mobilitando tutte le risorse educative e pastorali tipiche del nostro carisma", ha manifestato Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore. "I Salesiani, con lunghe esperienze missionarie, lavorando con le popolazioni indigene, si sentono responsabili di contribuire al Sinodo anche con le proprie esperienze, con le difficoltà che abbiamo come Salesiani nel campo dell'inculturazione del carisma salesiano e con ciò che la Chiesa, attraverso questo Sinodo, ha fatto per creare una Chiesa con un volto indigeno”.

I Salesiani sono proprio una delle congregazioni con la maggiore presenza nella Regione Panamazzonica. Sono presenti da 125 anni. Sono arrivati prima presso il Vicariato Apostolico di Méndez, in Ecuador, per lavorare con il popolo Shuar.

Tenendo conto della convocazione del Sinodo per l'Amazzonia, la Famiglia Salesiana ha tenuto diversi eventi a livello internazionale ed è stato recentemente pubblicato un libro dal titolo: "Amazzonia Salesiana: il Sinodo ci sfida”.

Don Martin Lasarte, salesiano, del Dicastero delle Missioni Salesiane e don Damásio Medeiros, salesiano, Preside della Facoltà di Teologia della Pontificia Università Salesiana di Roma, hanno raccolto in più di 350 pagine le riflessioni dell'Incontro Salesiano panamazzonico, tenutosi a Manaus nel novembre 2018, e dei Seminari svoltisi nella Pontificia Università Salesiana di Roma intitolati: "Testimonianze di santità con i popoli amazzonici" e "Nuove vie per una Chiesa dal volto amazzonico". Inoltre, compaiono i risultati dell'indagine sulla presenza salesiana in Amazzonia e le interviste al cardinale Claudio Hummes, Presidente della Rete Ecclesiale Panamazzonica “REPAM”, al suo vicepresidente, il cardinale Pedro Ricardo Barreto Jimeno, e al suo segretario esecutivo, Mauricio López Oropeza.

Don Justino Sarmento Rezende, salesiano, originario dell'Amazzonia, afferma che i salesiani, in mezzo alle popolazioni indigene, "si sentono responsabili di contribuire anche al Sinodo con le loro esperienze nel campo dell'inculturazione del carisma salesiano...con un volto indigeno".

Don Lasarte insiste poi su tre elementi presenti nell'opera: i giovani amazzonici, le città amazzoniche e le migrazioni, e i processi di fede capaci di generare una chiesa ministeriale dal volto amazzonico.

"L'Amazzonia salesiana: il Sinodo ci sfida", è un'opera che va letta "ad portas" del Sinodo speciale per l'Amazzonia, che si terrà a Roma, da domenica 6 ottobre a domenica 27 ottobre 2019.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".