Stampa questa pagina

RMG – 24 gennaio, la festa del Patrono della Congregazione e della Famiglia Salesiana
In evidenza

24 Gennaio 2020

(ANS – Roma) – Con l’approssimarsi del 400° anniversario della morte di San Francesco di Sales, nel 2022, è facile prevedere un movimento crescente all’interno della Famiglia Salesiana volto a conoscere in maniera più approfondita la figura del proprio patrono. In molte Ispettorie la sensazione generale è che i giovani salesiani non lo conoscano come si dovrebbe e sussistono grandi disparità: chi lo conosce a menadito e chi invece non ha nemmeno mai sentito parlare della Filotea. Introduzione della Vita Devota, il suo capolavoro per la vita spirituale.

Eppure la figura di san Francesco di Sales non è affatto marginale per una Congregazione e una famiglia religiosa che proprio in suo onore si definiscono “salesiane”. Anzi, le sue tracce traspaiono da molti dettagli:

La prima chiesa di Valdocco costruita da Don Bosco è dedicata a San Francesco di Sales e quando vi si entra si è subito accolti da molti dipinti del santo.

All’interno dello stemma stesso della Società Salesiana di San Giovanni Bosco sulla sinistra si nota la figura di san Francesco di Sales, scrittore e giornalista.

Entrando in una qualsiasi libreria salesiana è facile imbattersi in molte pubblicazioni di o su San Francesco di Sales, che probabilmente aumenteranno ancora in questi mesi in vista dell’anniversario.

Nel giorno della festa di san Francesco di Sales, una sana provocazione per ogni salesiano potrebbe essere: conosci le cinque parti in cui si articola la Filotea?

Questo grande classico della spiritualità è fondato sulla ferma convinzione che ogni essere umano è chiamato alla santità e che attraverso un itinerario spirituale esigente, ma possibile nel proprio quotidiano, egli possa raggiungerla.

La Filotea si compone di cinque parti, ognuna relativa ad una diversa fase di maturazione spirituale:

-      per condurre l’anima dal desiderio della vita devota alla ferma risoluzione di abbracciarla;

-      per l’elevazione dell’anima a Dio mediante preghiera e sacramenti;

-      per l’esercizio delle virtù;

-      consigli opportuni contro le tentazioni più comuni;

-      esercizi e consigli per rinnovare l’anima e confermarla nella devozione.

Il modo migliore di celebrare la festa di San Francesco di Sales è probabilmente prendere – o riprendere – in mano il suo testo più noto. E, con lo sguardo proiettato al futuro, si può pensare di prepararsi al 400° anniversario promuovendo nuove traduzioni di questo testo nelle diverse lingue che ancora non lo possiedono.

Fonte: AustraLasia

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".