Stampa questa pagina

Vietnam – Il doppio “miracolo” vietnamita di fronte a Covid-19: prevenzione e solidarietà

11 Giugno 2020

(ANS – Ho Chi Minh City)  Pur confinando con la Cina, Paese da cui è originata la pandemia di Covid-19, il Vietnam risulta tra i Paesi più virtuosi nella resistenza al virus: solo 332 contagi e 0 vittime – tanto che nelle ultime settimane diverse restrizioni sono già state allentate. A quest’ottimo risultato raggiunto dalla società in generale, bisogna aggiungere un altro bel traguardo propriamente salesiano: quello di aver messo in piedi e coordinato un’eccellente macchina della solidarietà, a beneficio di tanti poveri e bisognosi.

Se infatti a livello sanitario i problemi sono stati contenuti, il timore del virus ha causato difficoltà di lavoro, e quindi di sostentamento, a molte persone e famiglie, così come in ogni altra parte del mondo. Per questo l’Ispettoria “San Giovanni Bosco” del Vietnam (VIE) ha deciso di lanciare la campagna “Ban Covid-19” (Bandiamo Covid-19).

Dopo una riunione del Consiglio Ispettoriale è stato nominato un comitato speciale per la gestione dell’iniziativa. L’Ispettore ha inviato una lettera a tutte le opere e presenze salesiane, chiedendo ad ognuna di esse di aiutare almeno 50 famiglie del loro circondario. Il comitato speciale ha poi elaborato il piano strategico, è stata avviata una campagna per la raccolta di fondi locali e, senza ricorrere ad aiuti dall’estero, ci si è posti l’obiettivo di raccogliere l’equivalente di 60.000 euro di donazioni per aiutare almeno 1.500 persone bisognose – individuandole tra i lavoratori poveri, gli immigrati, studenti e bambini.

La campagna solidale è durata un mese e si è chiusa nel giorno della Festa di Maria Ausiliatrice, lo scorso 24 maggio. Oltre ad arrecare sollievo a quanti versano in situazioni difficili, ha favorito anche la creazione di legami tra le comunità salesiane, i vari gruppi della Famiglia Salesiana e le altre organizzazioni di promozione sociale. Complessivamente, vi hanno contribuito 138 Figli spirituali di Don Bosco, 92 collaboratori, 35 benefattori e 41 amici delle opere salesiane.

Al termine della campagna il monitoraggio dei risultati ha dimostrato che gli esiti sono stati superiori alle aspettative: il denaro raccolto è stato pari a circa 74.000 euro, e le persone beneficiate sono state oltre 7.300 – senza considerare che quattro comunità si sono adoperate in iniziative solidali, senza conteggiare effettivamente le persone aiutate.

In conclusione si può affermare che il lancio della campagna “Ban Covid-19” da parte dell’Ispettoria del Vietnam, non solo ha aiutato tante famiglie povere, ma ha anche contribuito ad aumentare il senso di appartenenza interno all’Ispettoria e a creare legami con la Famiglia Salesiana locale, i benefattori e la società e civile, e ha rappresentato un ottimo veicolo di evangelizzazione, perché ha dato testimonianza alla società vietnamita della missione salesiana al servizio dei poveri.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".