Stampa questa pagina

RMG – Il Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale incontra i Coordinatori delle Regioni per progettare il programma di formazione dei Delegati

12 Febbraio 2021

(ANS – Roma) – Martedì 9 febbraio, don Gildásio Mendes dos Santos, Consigliere Generale per la Comunicazione Sociale, ha incontrato, in modalità digitale, i Coordinatori dei Delegati della Comunicazione Sociale. L’obiettivo principale del raduno è stato quello di progettare insieme un programma di formazione per i Delegati della Comunicazione Sociale sotto il nome di “Scuola Salesiana di Comunicazione Sociale” (SSCS), il cui avvio è previsto per agosto 2021.

I coordinatori regionali della Comunicazione Sociale (CS), don Ernest Rosario (Asia Sud), don Peter Chinh (Asia Est - Oceania), don Javier Valiente (Mediterranea), don Rigobert Fumtchum (Africa - Madagascar), don James Gardner (Europa Centro e Nord) e Zaida Navarrete (Interamerica e America Cono Sud), insieme con don Mendes dos Santos, hanno definito gli obiettivi, la metodologia e i contenuti della SSCS – una scuola che si configura come un programma speciale organizzato dal Dipartimento di Comunicazione Sociale e che mira a realizzare due linee di azione (1.1.1 & 5.1.4) del Progetto di Pianificazione della Comunicazione Sociale (2020-2026).

La SSCS, che sarà realizzata in collaborazione con i Coordinatori regionali di CS, ha lo scopo di approfondire, formare e arricchire coloro che sono coinvolti nella gestione del ministero e servizio della comunicazione nei media delle varie Ispettorie salesiane, secondo una visione evangelica, sinodale, salesiana e convergente della Comunicazione, per evangelizzare ed educare i giovani di oggi.

Il corso sarà rivolto ai Delegati ispettoriali di CS, al Direttore/Coordinatore del Bollettino Salesiano, delle radio o delle case editrici salesiane, oltre a cinque persone – salesiani o laici, indicati dai Coordinatori regionali di CS.

Tra le caratteristiche degne di nota della SSCS, si segnalano:

-      le attività si svolgeranno online;

-      inizieranno ad agosto 2021 e termineranno a settembre 2022;

-      saranno guidate da un professore, esperto in comunicazione, per ogni singolo modulo;

-      si terranno due volte al mese secondo il calendario e la realtà di ogni Regione;

-      prevedono un livello comune a tutti e un livello specifico per la singola Regione; spetta al Coordinatore del corso per la Regione individuare almeno cinque argomenti di importanza e rilevanza per il suo territorio;

-      e si articoleranno in sessioni di 3 ore con 30 minuti di pausa.

-      Inoltre, ogni partecipante presenterà alla fine del mese un breve progetto pratico basato sugli input ricevuti;

-      le ammissioni termineranno all’inizio del corso;

-      e per essere ammessa ogni persona invitata deve firmare un modulo e presentarlo al Comitato Coordinatore entro i termini previsti.

Alcuni degli argomenti che saranno sviluppati sono:

-      Esplorare e comprendere le basi della comunicazione umana.

-      Rafforzare le basi della comunicazione cristiana ed etica.

-      Progettare strumenti utili alla comunicazione istituzionale e di marketing per le istituzioni salesiane (scuole, parrocchie, Ispettorie, centri giovanili…)

-      Protocolli per la gestione delle crisi istituzionali e altre questioni di sicurezza informatica.

-      Protocolli per la salvaguardia della proprietà intellettuale e dei beni digitali.

-      Progettare il Codice Etico di Comunicazione per le proprie istituzioni.

-      Organizzare i processi di costruzione della fiducia nell’organizzazione: gestione della comunicazione interna ed esterna.

-      Integrare le più recenti innovazioni – come l’intelligenza artificiale – nell’eco-sistema salesiano di gestione, per costruire una migliore governance umana della missione.

-      Comprendere il mondo digitale, la cultura e l’antropologia digitale, la condizione tecno-umana, la cultura dei nativi digitali e il networking.

-      Sviluppare una metodologia pastorale per evangelizzare ed educare nell’ambiente digitale.

-      Promuovere un accompagnamento salesiano educativo dei giovani nell’ambiente delle reti sociali: linguaggi, codici, valori e atteggiamenti salesiani, interazioni e impegno.

-      Promuovere una pianificazione della cittadinanza digitale nell’Ispettoria: professionalità, inclusione digitale, trasformazione digitale, diritto all’educazione digitale.

“Speriamo che questo corso ci aiuti a rispondere in modo creativo ai segni dei tempi odierni” ha commentato infine don Ernest Rosario. 

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".