Stampa questa pagina

Brasile – “La Fabbrica dei Sogni”: la prima presenza salesiana nello Stato di Acre

12 Marzo 2021

(ANS – Cruzeiro do Sul) – La Congregazione Salesiana è presente da più di 120 anni in Brasile, con opere e missioni in 23 dei 27 Stati brasiliani. L’Ispettoria Salesiana missionaria di Brasile-Manaus (BMA), dopo un bel discernimento e nonostante la carenza di religiosi, ha accettato l’invito del vescovo salesiano di Cruzeiro do Sul, nello Stato dell’Acre, mons. Flavio Giovenale, di aprire la prima presenza salesiana in quello Stato. La nuova missione è stata affidata a don Roberto Cappelletti, missionario salesiano italiano da quasi 10 anni presente nel Paese, al quale è stato chiesto di collaborare con il vescovo per muovere i primi passi in questa grande sfida.

L’Acre è l’ultimo stato annesso alla Confederazione Brasiliana; fa parte dell’area amazzonica, al confine con Bolivia e Perù. La città di Cruzeiro do Sul ha circa 80.000 abitanti, si trova nella punta settentrionale dello Stato, a pochi chilometri dal Perù. È l’ultima città del Nord dell’Acre, pochi chilometri dopo, la strada finisce e cominciano le montagne e la foresta amazzonica.

“Mons. Giovenale mi ha raccontato la situazione che esiste in quella zona del Brasile – racconta don Cappelletti –. Cruzeiro è una città isolata: per arrivare alla Capitale dello Stato, Rio Branco, ci vogliono 10 ore di autobus, e non ci sono voli diretti dalle altre città del Brasile. È una città ricca di presenza di bambini, adolescenti e giovani. Molti di loro finiscono le scuole superiori, ma poi non trovano sbocchi professionali e universitari. Solamente chi ha una condizione economica decente, riesce ad andarsene dalla città per studiare in altre zone del Brasile. La disoccupazione giovanile è enorme e questo favorisce l’azione dei cartelli della droga peruviani e brasiliani, che usano questi giovani per il traffico e le guerre di quartiere. Tre anni fa la violenza ha superato qualsiasi limite, con morti cruente di giovani in ogni angolo della città. Ora la situazione si è un poco stabilizzata… Ma molti poliziotti hanno perso la vita o dei propri cari per il semplice fatto di combattere il traffico di droga”.

La città di Cruzeiro vive principalmente di agricoltura, con la presenza di piccoli agricoltori e di grandi latifondi.

“Sono stato a Cruzeiro a fine febbraio – prosegue il missionario salesiano –. Ho affrontato 1.200 km di strade piene di buche e per lunghi tratti non asfaltate. La situazione che principalmente salta agli occhi è il grandissimo numero di bambini e ragazzi presenti in città e nei bairros più poveri. Il fatto di essere arrivato lì nei giorni di una grande alluvione in tutto lo Stato ha accentuato ancora di più l’impressione di abbandono, carenza e povertà presenti in quelle zone”.

“La fabbrica di sogni” è il nome di questa nuova realtà missionaria, che don Cappelletti ha scelto assieme a mons. Giovenale perché indica bene quale vuole essere il primo obiettivo di questa presenza: dare nuove speranze e nuovi sogni per il futuro ai bambini e ragazzi di Cruzeiro.

“Vogliamo dare nuove prospettive di convivenza pacifica, di inserimento nel mondo professionale e di partecipazione attiva alla vita della Chiesa – aggiunge ancora il responsabile della prima presenza salesiana in Acre –. Assieme a mons. Giovenale, e a suor Maria da Paz, una religiosa tedesca di 80 anni, della Congregazione delle Francescane di San Giorgio, abbiamo visitato e dato inizio ai primi lavori di ristrutturazione dei luoghi dove inizieremo questa prima presenza salesiana.

La comunità salesiana avrà la sua propria casa all’interno dell’ex seminario minore, un immenso spazio dove trovano dimora, in altri edifici limitrofi, anche le Serve di Maria e due suore Francescane. La parte per i salesiani già è in corso di ristrutturazione. A fianco della casa ci sarà la presenza di un bell’oratorio con campo da calcio, sale per incontri, una palestra coperta e tanto verde attorno.

I salesiani saranno responsabili dell’animazione giovanile della città, attraverso l’oratorio e anche attraverso l’animazione nei fine settimana nei bairros, coinvolgendo bambini, ragazzi e giovani, affinché diventino protagonisti positivi della città e della loro stessa vita.

In posizione più centrale nella città è situata la sede della Caritas, la quale metterà a disposizione dei salesiani due grandi sale attualmente in disuso, dove verranno organizzati, in favore dei giovani più bisognosi, corsi di cucina e laboratori per diventare panettieri.

“Vogliamo che la presenza abbia una struttura semplice e leggera, senza grandi edifici e costruzioni. Chiedendo la vostra preghiera e il vostro affetto e vi saluto con un caloroso abbraccio brasileiro” conclude don Cappelletti.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".