Stampa questa pagina

RMG – “Sapienza e scienza” degli allievi salesiani per “prevedere e provvedere”

04 Aprile 2017

(ANS – Roma) – Quando l’intraprendenza e le capacità dei giovani incontrano la competenza e la guida attenta di buoni maestri diventano possibili grandi risultati, a dispetto della giovane età dei protagonisti. “Sapienza e scienza, prevedere e provvedere” diceva Don Bosco. Negli ultimi giorni sono arrivati da diverse parti del mondo nuove notizie su alcuni importanti risultati conseguiti da allievi degli istituti salesiani.

Ad esempio, dall’Italia si segnala il successo registrato dai ragazzi Mattia Borgia, Andrea Domenico Mourglia e Filippo Patriotti dell’Istituto salesiano Internazionale “Edoardo Agnelli” di Torino. Essi sono risultati i vincitori della 29° selezione italiana per il concorso dell’Unione Europea dei giovani scienziati “Eucys”, promosso dalla Commissione europea, con il progetto dal titolo “CardioID: dimmi come batte il tuo cuore e ti dirò chi sei!”. In pratica i tre ragazzi hanno sviluppato un dispositivo in grado di rendere il battito cardiaco di qualsiasi persona una “password” di accesso a dispositivi come smartphone e tablet, tale così da proteggerne i dati sensibili dai cyber-attacchi.

In Spagna ha suscitato grande interesse, sia scientifico, sia commerciale, la giacchetta sportiva per ciclisti realizzata dagli allievi Mark Andrés Sanegre e Aníbal Oreja e dai professori Juanjo López e Sergi Llinares dell’istituto salesiano “Juan XXIII” di Alcoy, nell’Ispettoria di Spagna-Siviglia. Il prodotto da loro realizzato, presentato anche al concorso nazionale “Premio Don Bosco”, è una “giacchetta intelligente”, che pur molto leggera:

  • offre sicurezza e visibilità al ciclista, poiché è dotata di un sistema che segnala automaticamente all’esterno, semplicemente monitorando i gesti del guidatore, eventuali frenate, svolte o cambiamenti di direzione;
  • registra velocità, temperatura, umidità e i parametri di utilizzo della bici;
  • e in caso di caduta attiva un segnale per la localizzazione del ciclista e avvia tramite bluetooth una chiamata automatica ai servizi di emergenza.

Per concludere, in Colombia, gli allievi dell’Istituto Tecnico Salesiano “Eloy Valenzuela” di Bucaramanga, Ispettoria di Colombia-Bogotà, hanno provveduto a garantire che l’illuminazione di tutto il loro istituto sia totalmente alimentata dall’energia solare. “Non c’è da stupirsi, l’istituto salesiano è una delle poche scuole del paese che forma i futuri tecnici Elettricisti ed Elettronici con particolare attenzione alle fonti alternative, e tra queste principalmente sull’energia solare” ha detto don Deogracias Veloza, Direttore del centro.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".