Stampa questa pagina

Italia – Conclusa la Visita d’Animazione del Rettor Maggiore all’Ispettoria Lombardo Emiliana

05 Giugno 2017

(ANS – Milano) – “Questi sono tempi in cui bisogna seminare speranza e non lamentele”, per vivere la spiritualità salesiana come “spiritualità della gioia” e “credere nelle persone”. Ecco l’impegno che il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, ha voluto lasciare ai membri della Famiglia Salesiana presenti nel pomeriggio di venerdì 2 giugno al “Teatro Galiera” dei Salesiani di Bologna – tra i quali alcuni rappesentanti della Comunità delle Missioni di Don Bosco, Salesiani Cooperatori, Exallieve ed Exallieve.

di don Marco Begato, SDB

L’appuntamento è stato l’ultimo della fase bolognese della sua Visita d’Animazione all’Ispettoria dell’Italia Lombardo-Emiliana. Nella serata di venerdì, infatti, il Rettor Maggiore ha raggiunto Milano, dove, al mattino di sabato 3 giugno ha incontrato alcune rappresentanze delle scolaresche salesiane di Milano, Sesto San Giovanni e Treviglio, presso il teatro della Comunità Sant’Ambrogio a Milano.

Il dialogo informale ha toccato alcuni punti di interesse: i compiti specifici del Rettor Maggiore nella Congregazione, l’ideale che le scuole di Don Bosco cercano di curare nella relazione tra istituto e studenti e l’importanza di coltivare sogni concreti in vista dei quali progettare il proprio futuro e alla luce dei quali scoprire la propria vocazione. Molto significativo il tempo della ricreazione, al termine del dibattito, durante il quale i giovani hanno potuto avvicinare personalmente il Rettor Maggiore per un lungo spazio di confronto e condivisione personale o a piccoli gruppi.

Poi, nel pomeriggio, il Rettor Maggiore ha dedicato due ore di intensi colloqui ai suoi confratelli dell’Ispettoria ILE. A loro ha presentato la grande sfida di conservare il carisma pur nella prospettiva di consegnare ampi settori delle opere ai laici; la dimensione della fraternità e del servizio come elementi vincenti nel cammino di rinnovamento della Congregazione; la dialettica tra alta percentuale di vocazioni e difficoltà nella perseveranza vocazionale, cui tutti sono chiamati a rispondere, ma in particolar modo le comunità di Formazione.

Domenica 4 giugno, ultimo giorno di visita, il X Successore di Don Bosco ha incontrato i membri della Famiglia Salesiana di Lombardia e Canton Ticino e dopo aver presentato le dimensioni e la continua espansione della Famiglia Salesiana nel mondo, ha sottolineato e ringraziato per l’apporto specifico dei principali gruppi diffusi in tutti i continenti. Infine, nel giorno della Pentecoste, ha sottolineato l’importanza dell’azione dello Spirito Santo perché continui a diffondersi il carisma salesiano.

L’ultimo e più gioioso incontro del suo viaggio, grazie al clima di festa e di canto creato dai ragazzi presenti, il Rettor Maggiore lo ha avuto con i giovani della Consulta del Movimento Giovanile Salesiano e quelli che si preparano ad importanti attività estive, quali il pellegrinaggio in Terra Santa o le spedizioni missionarie, guidati dal Delegato di Pastorale Giovanile, don Elio Cesari.

Su ANSFlickr sono presenti numerose foto della visita.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".