Stampa questa pagina

Brasile – 31 gennaio: apertura dell’Inchiesta diocesana di martirio di don Rodolfo Lunkenbein e Simão Bororo

01 Febbraio 2018

(ANS – Meruri) – “Meruri Rodolfo! Meruri Simão! Meruri, martírio, missão!”. Questa frase dal poema di mons. Casaldáliga, vescovo emerito della Prelatura di São Félix do Araguaia, non poteva essere più indovinata per descrivere quello che è successo nella chiesa del villaggio bororo di Meruri, Stato del Mato Grosso, Brasile, il 31 gennaio 2018. Mons. Protógenes José Luft, vescovo di Barra do Garças, ha aperto ufficialmente l’Inchiesta diocesana sulla vita, sul martirio, nonché sulla fama di martirio e di segni dei Servi di Dio Rodolfo Lunkenbein, Sacerdote Professo della Società di San Francesco di Sales, e dell’indigeno Simone Cristiano Koge Kudugodu, detto Simão Bororo, Laico.

Erano presenti: mons. Bruno Pedron, vescovo salesiano di Ji-Paraná, in rappresentanza di tutti i vescovi Salesiani del Brasile; l’Ispettore di Brasile-Campo Grande, don Gildásio Mendes dos Santos; l’Ispettrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice del Mato Grosso, suor Antonia Brioschi; i rappresentanti della Conferenza Episcopale del Brasile, del Consiglio Indigenista Missionario (CIMI), organismo legato alla Conferenza Nazionale dei Vescovi del Brasile (CNBB), che, nel suo lavoro missionario, ha dato un nuovo significato al lavoro della Chiesa cattolica con le popolazioni indigene; della “Fundação Nacional do Índio” (FUNAI), organizzazione ufficiale del governo brasiliano, responsabile della protezione dei popoli indigeni e delle loro terre; numerosi Salesiani, membri della Famiglia Salesiana e laici che sono venuti per onorare questo grande evento. Naturalmente folta la presenza delle comunità Bororo.

La messa è iniziata alle 10 locali, davanti al monumento eretto nel luogo della missione dove don Lunkenbein e Simão offrirono la loro vita il 15 luglio 1976. È seguita la processione verso la chiesa dove, dopo la comunione, don Paulo Eduardo Jácomo, SDB, vicepostulatore della causa, ha dato lettura dell’Editto di apertura dell’Inchiesta diocesana, firmato dal vescovo di Barra do Garças. Quindi i membri del Tribunale hanno assunto il loro incarico e fatto il giuramento, così pure i periti della Commissione storica.

“Non ci sarebbe potuto essere di meglio da presentare a Don Bosco nel giorno della sua festa: un figlio missionario di Don Bosco e un indigeno destinatario della sua missione, in cammino insieme sulla strada verso gli altari” ha commentato don Pierluigi Cameroni, Postulatore Generale delle Cause dei Santi della Famiglia Salesiana.

Così continua il poema di mons. Pedro Casaldáliga: “nella Messa e nella danza, nel sangue e nella terra, tessono l’alleanza Rodolfo e Simão! Meruri nella vita, Meruri nella morte, e l’amore più forte, è la missione compiuta”.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".