Stampa questa pagina

Libano – Il Rettor Maggiore: “che forza, che resistenza, che dignità in queste persone che ho incontrato!”

05 Aprile 2018

(ANS – Al Fidar) – Ieri, mercoledì 4 aprile, la Visita di Animazione del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, alle presenze salesiane del Libano è proseguita con la tappa presso Al Fidar, dove hanno sede un Centro di Formazione Professionale e una casa di accoglienza che offre corsi di educazione non formale. Presso l’opera il Rettor Maggiore ha trascorso l’intera giornata, dialogando con gli allievi e con i profughi siriani ed iracheni che vengono lì accolti.

Don Á.F. Artime è stato molto colpito dall’incontro con i rifugiati e così ha manifestato sulla sua pagina Facebook tutto il suo coinvolgimento emotivo:

La testimonianza di quelle giovani famiglie, coppie di sposi con bambini piccoli, e giovani (più ragazze che ragazzi) che hanno lasciato il loro paese e ora si trovano nelle case salesiane… Sto parlando dei rifugiati di origine siriana e irachena. Oggi è stato un giorno molto speciale.

Sono stato in un oratorio salesiano con un centinaio di ragazzi e ragazze, con diverse giovani coppie sposate con i loro figli, con diversi giovani rifugiati anche dalla Siria (così come le giovani famiglie) e con un gruppo di 12 ragazze e due ragazzi venuti dall’Iraq.

E devo dirvi che sono stato molto "toccato" nel cuore dalla loro dignità, dalla loro capacità di superare la sofferenza. Hanno ballato e cantato (in un modo molto bello) ... perché non permettono a niente e a nessuno di spegnere il loro sorriso, almeno in molti momenti.

E sono contento perché le case salesiane, come altre case della Chiesa latina e della Chiesa maronita, sono una protezione per gli sfollati, in un paese, il Libano che è in pace, ma che ha un equilibrio religioso e sociale molto difficile.

E ho incoraggiato i miei fratelli salesiani, le suore salesiane e la Famiglia Salesiana a continuare a stare DALLA PARTE DEI POVERI E DEGLI 'SCARTATI' - come dice Papa Francesco - SEMPRE. SEMPRE CON LORO”.

Nel pomeriggio il programma della visita del Rettor Maggiore è proseguito con il tradizionale appuntamento di ogni visita di animazione: l’incontro con tutti i Salesiani presenti nel Paese, per aggiornarli sulla vita della Congregazione e per ascoltare le loro inquietudini e le loro osservazioni sulla realtà locale.

A conclusione della giornata hanno avuto luogo un incontro con la Famiglia Salesiana locale, la recita dei Vespri e il pensiero della “buona notte” salesiana.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".