Stampa questa pagina

Australia – Un appello per le necessità delle case salesiane nelle isole Fiji e a Samoa

31 Maggio 2018

(ANS - Melbourne) – La Procura Missionaria Salesiana d’Australia ha lanciato un appello alla solidarietà in favore del Centro Comunitario e Centro Giovanile in corso di realizzazione a Nasinu, nelle isole Fiji, non lontano dalla capitale, Suva; e per il sostegno delle due scuole salesiane samoane, situate ad Alafua e Salelologa.

Le Figi sono una Nazione con molte risorse e molte sfide: il 44% della popolazione ha meno di 25 anni, ma una percentuale significativa di giovani adulti sono disoccupati e tanti sono senzatetto. I Salesiani sono presenti nel Paese dal 1999 e finora il loro impegno missionario si è concentrato sulle scuole elementari locali, un orfanotrofio e l’apostolato nei villaggi più prossimi alla loro opera di Suva.

Da gennaio 2017, tuttavia, ai Salesiani è stata affidata anche la responsabilità di una nuova parrocchia a Nasinu. Nel piano generale per lo sviluppo di quest’opera è prevista la costruzione di un grande Centro Comunitario e Centro Giovanile polivalente, che sarà la prima struttura di questo genere nelle isole Figi.

Il Centro potrà essere utilizzato per riunioni comunitarie, incontri giovanili, attività liturgiche, di educazione formali e non formale, iniziative artistiche e ludiche, corsi di artigianato… E sono previsti nei lavori anche strutture per gli sport all’aria aperta come pallavolo, il rugby e calcio.

Le due scuole salesiane a Samoa si rivolgono ad allievi di famiglie con poche risorse. Il Centro Tecnico “Don Bosco” di Alafua è stato fondato nel 1988 e attualmente conta 245 giovani iscritti, di Samoa e Tokelau – un piccolo arcipelago appartenente alla Nuova Zelanda.

In un Paese con un elevato tasso di disoccupazione, gli studenti hanno l’opportunità di scegliere una formazione al commercio generica o specializzata in qualche indirizzo, trovando molto spesso buone opportunità di lavoro al termine degli studi.

La formazione tecnica è completata da corsi di Samoano, Inglese, Matematica, Disegno Tecnico, Informatica e Religione. Inoltre, attraverso attività culturali e sportive, la comunità educativa promuove la crescita personale, morale e spirituale e lo sviluppo della leadership degli allievi e li educa al lavoro di squadra.

Poter migliorare le strutture del centro – aggiornamento dei laboratori, realizzazione di una biblioteca e di un laboratorio informatico con accesso a Internet – sarebbe un obiettivo importante per la comunità scolastica.

La Scuola Superiore Co-Educativa e Scuola Professionale salesiana di Salelologa, giunta all’ottavo anno di esistenza, conta su una popolazione scolastica di circa 300 studenti, molti dei quali raggiungono l’istituto con lo scuolabus, provenendo da villaggi molto remoti.

I Salesiani hanno sviluppato un curriculum integrato, comprendente materie accademiche e tecniche, per fornire agli studenti le competenze lavorative e umane necessarie per il lavoro e il loro sviluppo come persone. Al momento stanno valutando come integrare meglio l’educazione all’aria aperta e lo sport nel programma generale. I Figli di Don Bosco vorrebbero anche poter offrire delle borse di studio ad un certo numero di studentesse appartenenti a famiglie povere, per permettere loro di completare gli ultimi due anni di corso. 

Il centro salesiano a Salelologa rappresenta sin da ora un importante centro di educazione e per incontri, conferenze, raduni giovanili e sportivi per gli abitanti di tutta l’isola di Savai’i.

“San Giovanni Bosco era solito dire ai suoi benefattori: ‘Senza di voi non posso fare niente’ e le sue parole sono valide ancora oggi. Insieme, invece, possiamo spezzare il ciclo della povertà e dell’ignoranza che distrugge tante giovani vite” ha affermato il Salesiano Coadiutore Michael Lynch, Responsabile della Procura Missionaria Salesiana australiana.

Ulteriori informazioni sono disponibili all’indirizzo: www.salesianmissionsaustralia.org.au  

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".