LE STELLE CADENTI CI COSTRINGONO A GUARDARE IL CIELO
In evidenza

15 Giugno 2020

Stavamo ore, da bambini, con gli occhi che frugavano il cielo buio per sorprendere le stelle cadenti.  Ci dicevano: “Quando vedi una stella che cade, esprimi un desiderio”. Ma è sempre triste vedere una stella che si stacca dal cielo e cade. Dove vanno le stelle che cadono?

Augusta è una di loro. Era una bambina di nove anni e si prostituiva per le strade di Freetown, capitale della Sierra Leone (Africa Occidentale), ma a diciannove anni era una giovane donna che a testa alta si è presentata alla Commissione Europea per la Protezione dell’Infanzia a Bruxelles e ha fatto in modo che il governo della Sierra Leone riconoscesse ufficialmente l’esistenza dello sfruttamento dei bambini e lo penalizzasse.

Tutto è accaduto perché una sera Augusta si è recata con un’amica al furgone dei salesiani per un caffè. I salesiani parcheggiano tutte le sere alla periferia di Freetown, in una zona dove di solito si incontrano i ragazzi e le ragazze che si vendono per sopravvivere. I salesiani offrono loro qualcosa da mangiare, si informano se hanno bisogno di assistenza medica e quando è necessario procurano loro un aiuto legale.

Dopo aver incontrato i salesiani, Augusta ha deciso di fare un cambiamento radicale nella sua vita: ha deciso di lasciare la strada, i suoi amici e di rinunciare all’unico modo che conosceva per guadagnare soldi. Ha iniziato così un processo di reinserimento sociale: ha ripreso a studiare e iniziato, con l’aiuto di professionisti, a guarire le profonde ferite psichiche e spirituali che hanno segnato la sua anima.

Questa giovane donna non ha un profilo mediatico, non sembra una star e non è una influencer nelle reti sociali: è una giovane donna dal sorriso aperto e luminoso, che dietro l’apparenza di ragazza normale  nasconde un’eroina del nostro tempo che, grazie alla coraggiosa decisione di raccontare la sua storia e denunciare la violazione dei suoi diritti, è stata la forza trainante di riforme che hanno salvato migliaia di altri bambini abusati dagli adulti e vittime della tratta del commercio sessuale. Non è capace di discorsi brillanti o di segni grandiloquenti: parla con semplicità, ma le sue parole toccano il cuore degli ascoltatori.  

Augusta venne a Roma per visitare il Papa, incontrò il superiore dei salesiani, Don Ángel Fernández Artime, che le regalò una statuetta di don Bosco. A lui confidò il suo sogno: aprire un piccolo ristorante a Freetown e mettervi la statuetta di Don Bosco.

Perché già nel 2017, insieme ad altre ragazze che avevano lasciato la strada, gestiva una piccola attività di catering a domicilio.

Ma le stelle, come i sogni, hanno la vita breve.

Lo scorso 6 giugno, a causa di Covid-19, l’AIDS, che l’aveva segnata da bambina per le strade della città, l’ha sconfitta a 23 anni. Lasciando in tutti noi il sapore amaro della sconfitta e la sensazione di un’opera incompiuta.

La stella Augusta è caduta e, secondo la tradizione, anch’io esprimo un desiderio, che condivido con te. Vorrei che nascessero tante ragazze coraggiose e autentiche come Augusta, che ci ricordino che è possibile spezzare le catene che imprigionano i più diseredati della nostra società, e che possiamo spazzare via leggi ingiuste e combattere per la giustizia nella nostra vita quotidiana, con la sola sicurezza che Dio combatte al nostro fianco.

Perché sappiamo dove vanno le stelle che cadono, come Augusta. Nelle mani accoglienti di Dio.

Vi invito a conoscere la vita di questa giovane donna e di altre come lei presentate in un documentario di “Misiones Salesianas”.

Nelle impostazioni del video è possibile inserire i sottotitoli in: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. 

InfoANS

ANS - "Agenzia iNfo Salesiana" - è un periodico plurisettimanale telematico, organo di comunicazione della Congregazione Salesiana, iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Roma, n. 153/2007.

Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente e per motivi statistici. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più o negare il consenso clicca il tasto "Ulteriori informazioni".